Ricezione entro Natale per gli ordini pervenuti fino al 17/12. Gli ordini pervenuti dal 23/12 al 7/01 saranno evasi a partire dall'8/01.

Maria Grazia Reynaldi

Dall’unione della natura e della scienza ricette cosmetiche naturali funzionali

1969

Alla Facoltà di Farmacia di Torino viene introdotto il primo corso di laurea in chimica dei prodotti cosmetici.

1970

Prima laureata in Italia in Farmacia con una tesi sperimentale sulla chimica dei prodotti cosmetici.

1971-74

La sua carriera professionale non è iniziata subito. Dopo la laurea si è sposata ed ha avuto due figli, che oggi si sono affiancati a lei nel portare avanti l’attività di famiglia.

1980

Apre un negozio laboratorio, dove chi entra vede, attraverso una vetrata il laboratorio dove vengono preparati i prodotti che, freschi di giornata, sono venduti al pubblico. Per la prima volta in Italia, i consumatori hanno potuto conoscere direttamente colui che pensa e crea un prodotto, e che allo stesso tempo lo vende. La gente parla con il formulatore e può esporre le proprie esigenze.

1981-99

In vent’anni l’azienda è cresciuta, viene aperto un istituto di estetica e altri punti vendita in franchising a Torino, Bardonecchia, Porto Rotondo e Salice d’Ulzio. Tutti sotto l’attento e competente aiuto della prima collaboratrice della Dottoressa Reynaldi, la mamma Celestina Indemini.

Una filosofia che ancora oggi è la linea guida che segue tutto il laboratorio di ricerca e sviluppo, sotto la guida attenta e severa della Dottoressa Reynaldi.

2000

L’anno della prima grande svolta: nasce l’azienda REYNALDI SRL Cosmetica Conto Terzi, in uno stabilimento di 1200 mq. di uffici, produzione e punto vendita al pubblico.

2002

Entrano in azienda i figli della Dottoressa, Andrea e Marco, e le nuore Grazia e Laura che insieme a 10 dipendenti costituiscono un team d’eccezione, una forza giovane e dinamica, per costruire una filiera rapida, affidabile ed efficiente. Grazie alle nuove forze, gli orizzonti si allargano e la Dottoressa Reynaldi formula per un marchio coreano una linea completa per capelli, e si reca a Seul per assistere alle prime produzioni dell’azienda che ha commissionato i nuovi prodotti.

2004

L’Azienda riceve il premio dell’Api WINNER 2004, riconoscimento assegnato alle aziende quale esempio di imprenditoria di successo.

2005

Il marchio Dottoressa Reynaldi fa il suo ingresso negli Stati Uniti dove si impone per la qualità dei prodotti e per la sua storia di azienda nata dal nulla, come tante realtà americane.

2008

Nel 2008 su richiesta della sua amica Laura Bonin, suora missionaria dell’Istituto Immacolata Regina della Pace in Burkina Faso, promuove l’avvio di un’azienda di dodici donne, Yelen noi per voi, che produce il burro di Karité, un prodotto tipico della zona sub Sahariana e nel marzo 2010 si reca a Bobodioulasso per insegnare a formulare e produrre creme con il burro di Karité, shampoo, bagni schiuma, profumi, insetto repellenti, saponi, alla piccola azienda che in poco tempo, grazie alla capacità imprenditoriale delle donne africane con a capo Henriette, si sta velocemente sviluppando e affermando.

2009-2010

Partecipa alla prima edizione del premio “Chiave a Stella” della Camera di Commercio di Torino accedendo alla selezione finale nella classe di fatturato entro i tre milioni di euro. L’anno successivo riceverà tale riconoscimento. Sempre nel 2010 le viene conseguito il premio piemontese “Bogianen”, in italiano letteralmente “non ti muovere”, soprannome popolare dato ai piemontesi e che si riferisce a un temperamento caparbio, capace di affrontare le difficoltà con fermezza e determinazione. Questo premio è stato istituito nel 1995 per festeggiare insieme piemontesi, di nascita o di adozione, che hanno dimostrato particolare impegno e determinazione nel corso della propria vita o della propria carriera. Nell’ottobre 2010 durante il 58° congresso mondiale FCEM (Femmes Chefs d’Entreprises Mondiales) viene inoltre premiata davanti a tutte le imprenditrici del mondo, per aver favorito con le sue competenze professionali lo sviluppo di una esperienza imprenditoriale in Africa.

2011

Nel gennaio del 2011 la Dottoressa Reynaldi, si reca in Etiopia nella Missione della Consolata di Gambo dove nella farmacia dell’ospedale prepara con l’olio di noug, un olio di girasole usato nella cucina dell’ospedale e dalla popolazione locale, le creme per la pediatria e la ginecologia e insegna alle suore della missione a fare le creme per ripetere in terra di Etiopia l’esperienza imprenditoriale del Burkina Faso.

“E’ bello che una donna possa aiutarne altre, lontane.”

2012

Il cuore pulsante dell’azienda è il laboratorio di ricerca e sviluppo, il luogo in cui le idee innovative diventano prodotti innovativi sempre al passo dei tempi che velocemente stanno cambiando. La cosmesi sta diventando sempre più green, nuove materie prime naturali di origine biotecnologica e provenienti da agricoltura biologica stanno soppiantando le materie prime di sintesi e l’esperienza di trenta anni di formulazione di cosmetici permette alla dottoressa di declinare in modo ottimale le nuove tendenze del mercato unendo la sicurezza del presente con le sfide del futuro. La preziosa collaborazione con EATALY dove il marchio Dottoressa Reynaldi è presente nel corner dedicato ai cosmetici, ha dato il via ad un ambizioso progetto innovativo al quale si sta lavorando: produrre dei cosmetici utilizzando gli slow foods come ingredienti per ottenere prodotti naturali vivi, da consumare in sicurezza per la salute e il benessere della persona.

2015

L’azienda si trasferisca a Pianezza, e passa da uno stabilimento di produzione di 1200 mq. ad uno di 7500 mq. che permetterà alla Dottoressa Reynaldi e al suo team di impiegare ancora meglio le proprie energie nella ricerca e nello sviluppo di nuovi prodotti sempre più all’avanguardia al servizio della bellezza.

“Non potrei mai rinunciare alla parte della mia attività che comprende la creazione del prodotto, è quella che mi dà una grande soddisfazione, che mi mette in contatto con le mie clienti, alcune delle quali mi seguono fin dal giorno che ho iniziato.”